venerdì 6 settembre 2013

PASTA CASERECCIA

Che belle giornate di settembre!
Il sole splende ogni giorno e le temperature sono praticamente estive.
Tra un pò inizierà la vendemmia, nella nostra zona ci sono diverse cantine sia in collina che zona lago, è un piacere assistere a questo rito che ogni anno si ripete. Anche se per chi ci lavora magari la pensa divesamente, io non ho mai provato ma dicono che sia faticoso.
Anzi a dire il vero da piccola partecipavo anch'io.... ha ha.
Mio nonno ha lavorato per tantissimi anni i campi di una cantina di Soave, Bolla, sulle colline dietro il castello. All'epoca abitavo lì e bazzicavo sempre nei campi con gli operai e i lavoratori che trattavano le viti, rompendogli le scatole perchè stavo sempre tra i piedi, così quando era ora di vendemmia andavo a controllare dopo scuola come andavano i lavori.
Siccome non arrivano all'altezza viti, ricordo che mi misero un secchio rovesciato sul terreno per poterci salire sopra e raggiungere i grappoli e poterli staccare.
Avrò tirato via si e no due grappoli però per me avevo partecipato alla vendemmia come tutti gli altri!
Che ridere.... che ricordi.

Ora ricordiamoci di questo piatto dal sapore ancora estivo: verdure e tonno, in un tripudio di gusto e colore.

Ingredienti

sedanini
aglio
pomodorini
fagiolini
tonno Asdomar all'olio di oliva

Preparazione:

Mettete a cuocere la pasta e intanto occupiamoci del sugo.
Fate rosolare i pomodori con i fagioli precedentemente sbollentati, in padella con uno spicchio di aglio.
Non devono sfaldarsi ma mantenere la croccantezza.
Salate e pepate quanto basta.
Scolate il tonno all'olio di oliva e sminuzzatelo in padella con le verdure.
L'acqua dei pomodori farà un pò di sughetto, in aggiunta potete mettere un cucchiaio di acqua di cottura.
Versate la pasta scolata in padella e mescolate il tutto.


E' ottima anche fredda, provatela!

5 commenti:

  1. Che bei ricordi e che bella la vendemmia, mi piacerebbe portare i bimbi a vederla! Buona anche questa pasta, mi hai fatto venire l'acquolina!!! Baci!

    RispondiElimina
  2. Quando si sta a contatto con la natura ci si diverte sempre, si impara molto e si conservano bellissimi ricordi. Puoi portare la mia pasta per pranzo al sacco! bacioni

    RispondiElimina
  3. Belli i ricordi, anche io penso con nostalgia quando si faceva a casa mia. Una festa.
    Gustosa la tua pasta casereccia. Un abbraccio e buona domenica.

    Ti seguo su bloglovin

    RispondiElimina
  4. Leggo volentieri dei tuoi cari ricordi, gerbillina, mentre mi gusto la tua splendida pasta...! Adoro stare a contatto con la Natura.. proprio tanto :) Un baciotto!

    RispondiElimina
  5. questa la adoro, bravissima!!!!

    RispondiElimina